aperitivo

Danubio salato…onde ripiene di bontà.

DANUBIO SALATO1

 

Primo esperimento del Danubio salato riuscito!

Piatto della tradizione napoletana, può essere sia dolce che salato e farcito a propria fantasia.

In pratica è una sorta di torta composta da tante “brioches”..ottima come spuntino serale, come aperitivo o per una cena diversa.

 

LE MIE DOSI:

200 gr. di farina 00

200 gr. di farina manitoba

10 gr. lievito di birra

un cucchiaino di zucchero

200 ml latte

80 gr. di burro o 4 cucchiaio olio evo

10 gr sale

 

Per farcire:

pomodorini confit

origano

prosciutto cotto

provola affumicata

un uovo

 

Nella planetaria o in un robot da cucina disporre il lievito con 50 gr di farina circa 100 gr di acqua tiepida. Mescolare per bene fino a quando non avremo ottenuto una consistenza omogenea e leggermente collosa. Ricopriamo il recipiente con la pellicola e lasciamo riposare almeno un ora (io metto il tutto nel forno chiuso con la luce accesa)

Dopo un ora circa e comunque appena il volume sarà duplicato, si aggiungono tutti gli altri ingredienti : il resto della farina, latte, zucchero, il sale e per ultimo il burro.

Lavorate per qualche minuto fino ad ottenere una bella pasta liscia che metterete a lievitare per almeno 4 ore.

Da questo bell’impasto , che dovrà essere triplicato di volume, staccherete dei pezzetti di pasta creando prima una pallina che andrete a schiacciare con le mani creando quindi un disco al cui interno metterete la farcitura.

Non abbiate paura di abbondare poiché dovendo lievitare nuovamente il loro volume raddoppierà e il condimento verrà ben inglobato nella pasta.

Queste palline farcite (io ne ho riempito una parte con pomodorini confit e origano e un’altra parte con provola affumicata e prosciutto cotto) verranno quindi disposte in una teglia unta, una accanto all’altra, e lasciate lievitare per circa 1 ora e mezza.

A questo punto potremo infornare: 180°C per circa 30 min, prima però dovrete spennarle  in superficie con il rosso d’uovo.

 

 

 

 

 

 

foto 3

 

 

 

 

foto

Il Petto d’Oca affumicato.

Questo invece l’ho scoperto da poco e devo dire che mi ha fatto impazzire. Straordinario davvero.

Il petto d’oca affumicato, di provenienza Friulana, ha una consistenza carnosa e delicata.  Ha un sapore che tende leggermente al dolciastro ma l’affumicatura equilibra benissimo questa nota restituendo al palato un sapore davvero unico.  Il filo di grasso che contorna la carne non è altro che la pelle dell’oca che durante la stagionatura si trasforma appunto in grasso. Da non scartare assolutamente, anzi conferisce alla carne un sapore più completo e rotondo.

Io l’ho provato su delle tartine  di pane appena tostato con un velo di Lurpak ,  e con un filo d’olio evo e le scorzette d’arancia. Sublime!!

Con questa ricetta partecipo al contest di About Food:

Archivi

bloggaline
Save the Children Italia Onlus
giugno: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Partecipo a:

about food

Mi trovate su:

about food
bannerebeer.jpg
12chiavi
alimentipedia
about food

Collaboro con:

silikomart